Segnaletica mancante? il Comune non è responsabile.

La decisione emessa qualche giorno fa dalla Corte di Cassazione (III Sezione civile, sentenza n. 1289 del 19 gennaio 2017) prende le mosse da grave sinistro che vedeva coinvolti un’automobile ed una motocicletta, con morte del centauro, ove il Comune era stato citato per (parziale) responsabilità, in quanto, sul luogo dell’incidente, non erano stati installati i segnali di precedenza.

La pubblica amministrazione ha un ampio potere discrezionale nella scelta dei luoghi ove apporre i segnali stradali di pericolo, che trova un limite soltanto qualora si verifichi un’ipotesi di insidia o trabocchetto, caratterizzata dalla non visibilità del pericolo.

Più volte la Suprema Corte ha affermato il principio secondo il quale l’Ente proprietario risponde, ai sensi dell’art. 2051 c.c., dell’evento pregiudizievole, riconducibile a situazioni di pericolo connesse alla struttura o alle pertinenze della strada stessa, salvo il caso in cui si accerti la concreta possibilità per l’utente danneggiato di percepire o di prevedere, con l’ordinaria diligenza, la situazione di pericolo, tanto da incidere sul dinamismo causale della cosa sino ad interrompere il  nesso eziologico tra la condotta attribuibile all’Ente e l’evento dannoso. In tali casi va fatto richiamo ai noti principi in tema di responsabilità oggettiva in relazione al danno provocato dalla cosa in custodia, che comporta la imputabilità dell’evento dannoso, in capo al soggetto che esercita tale potere, salvo il caso fortuito, configurabile anche alla stregua di un comportamento del danneggiato non conforme alle regole della prudenza, tenuto conto delle circostanze del caso concreto.

Questo il principio di diritto sancito nella decisione in epigrafe: “Nel caso in cui il conducente che sarebbe stato favorito dalla segnaletica che si assume mancante, ritenga di aver diritto alla precedenza, non si verifica una situazione di insidia, in quanto la circolazione stradale può avvenire senza inconvenienti anche in mancanza del segnale, essendo sufficienti e idonee a regolarla le norme del Codice della strada, e non è, perciò, possibile affermare su questa base la responsabilità della detta amministrazione per i danni conseguenti alla collisione”.

Autore: Avv. Giuseppe Libertino   fonte: leggiegiustizia.it

Contatti:
Studio Legale Libertino – via Cav. P. Longo, n. 33 – 87028    Praia a Mare (Cs)
Tel.: 0985 256585     Fax: 0985 280204   cell.: 3935782246
Email: giuseppe.libertino@leggiegiustizia.it    –     sito web: http://www.leggiegiustizia.it/

Contattaci

Non siamo attualmente online, lasciaci un messaggio e ti contatteremo il prima possibile.

Sending

 

Log in with your credentials

Forgot your details?

Visit Us On Facebook