Precari stabilizzati: contratti a tempo trasformati in “indeterminato”

Precari-stabilizzati-contratti-a-tempo-trasformati-in-indeterminato-370x230

Tempo indeterminato e carriera ricostruita con anzianità pre-ruolo dopo la condanna della Corte di Giustizia per l’abuso nel ricorso a contratti a termine reiterati.

 

Comincia a sortire i primi effetti la condanna inflitta, nello scorso mese di novembre, dalla Corte di Giustizia all’Italia, per il reiterato utilizzo, da parte di quest’ultima, dei contratti a termine nel pubblico impiego (leggi “Mai più precari a vita: stop al rinnovo dei contratti a termine”): sentenza che, come si era anticipato, ha effetti non solo nel settore “scuola” (dal quale ha preso le mosse la “rivoluzione”), ma anche in tutti gli ambiti del pubblico impiego e persino – secondo i primi commenti – al settore privato.

 

Dopo la sentenza della Cassazione di appena 10 giorni fa (leggi: “Contratti a termine convertiti: riconosciuta l’anzianità di servizio al dipendente”) è ora il turno del Tribunale di Napoli che, con una recente pronuncia [1], ha disposto la stabilizzazione del contratto a termine nei confronti di un docente precario. In pratica, proprio lo stesso giudice che aveva dato origine al ricorso alla Corte di Giustiza, ora non fa altro che applicare il principio da questi propugnato: quando lo Stato italiano fa eccessivo ricorso al contratto a termine, reiterandolo per più volti, il precario ha diritto alla trasformazione del rapporto in “tempo indeterminato” e alla ricostruzione della carriera con il conteggio, a fini economici e normativi, della anzianità di servizio per il periodo pre-ruolo in maniera integrale.

 

Divieto, dunque, di disparità di trattamento tra i lavoratori a tempo indeterminato e quelli a tempo determinato, solo per il solo fatto di avere questi ultimi un contratto o rapporto di lavoro limitato nel tempo, a meno che non sussistano ragioni oggettive. Insomma: i criteri del periodo di anzianità di servizio relativi a particolari condizioni di lavoro dovranno essere gli stessi sia per i lavoratori a tempo determinato sia per quelli a tempo indeterminato.

 

Ecco dunque la massima espressa dal tribunale partenopeo:

 

Dopo la condanna dell’Italia da parte della Corte di giustizia europea con la sentenza C-22/13 per abuso del contratto a tempo determinato deve dichiararsi che fra l’insegnante e il ministero dell’Istruzione sussiste un rapporto di lavoro a tempo indeterminato, dovendosi condannare l’amministrazione convenuto al pagamento in favore del ricorrente delle retribuzioni contrattualmente dovute per i periodi di interruzione del rapporto di lavoro intercorsi fino all’immissione in ruolo e alla ricostruzione della carriera del lavoratore con il conteggio, a fini economici e normativi, della anzianità di servizio per il periodo pre-ruolo in maniera integrale”.

[1] Trib. Napoli, sent. del 21.01.2015.

Contattaci

Non siamo attualmente online, lasciaci un messaggio e ti contatteremo il prima possibile.

Sending

 

Log in with your credentials

Forgot your details?